Sonoisterosalpingografia 3D

Sonoisterosalpingografia 3DTra gli esami di base da effettuare per la valutazione della fertilità è particolarmente importante la verifica della pervietà tubarica: si stima, infatti, che la chiusura delle Tube di Falloppio (dette  anche “salpingi”) rappresenti una causa di infertilità nel 30-40% dei casi.

La sonoisterosalpingografia 3D è un semplice esame ambulatoriale che, in modo rapido e non invasivo, consente di valutare se le salpingi permettono il normale passaggio degli spermatozoi o se sono presenti ostruzioni o alterazioni morfologiche che impediscano di raggiungere l’ovulo.

L’esame, che viene effettuato direttamente nell’ambulatorio ginecologico, permette di valutare la pervietà delle tube utilizzando un mezzo di contrasto nel corso dell’ecografia transvaginale.

Sonoisterosalpingografia 3D: come funziona l’esame

Dopo aver posizionato lo speculum, per mezzo di un sottile catetere sterile viene lentamente iniettata nell’utero una schiuma in gel che – se non sono presenti ostruzioni o alterazioni strutturali – fluisce nelle tube e nella cavità addominale. Contemporaneamente, attraverso la sonda ecografica viene quindi confermata o meno la pervietà tubarica valutando il passaggio nelle tube e il versamento intra-addominale della schiuma in gel, che viene riassorbita spontaneamente nelle 48 ore successive.

Sonoisterosalpingografia 3D: quali sono i vantaggi?

  1. Rispetto alla laparoscopia diagnostica (il gold standard per lo studio delle tube), si ottengono informazioni sulla pervietà tubarica con un’accuratezza superiore all’80% senza doversi sottoporre a un intervento chirurgico con anestesia generale con intubazione e al ricovero ospedaliero;
  2. Rispetto all’isterosalpingografia questo esame non prevede l’impiego di raggi X e del mezzo di contrasto iodato, che può dare reazioni allergiche in alcune pazienti;
  3. Riduzione del costo dell’esame rispetto alle metodiche precedenti;
  4. Rapidità: l’esame ha una durata di circa 10 minuti;
  5. L’esame viene effettuato durante la normale ecografia transvaginale: in un’unica visita la paziente potrà quindi avere non solo informazioni circa la pervietà tubarica ma anche una valutazione complessiva dell’apparato genitale interno, individuando l’eventuale presenza di condizioni che possono pregiudicare la gravidanza e che possono necessitare di ulteriori approfondimenti diagnostici (come cisti ovariche, fibromi uterini, setti e polipi endometriali).

Sonoisterosalpingografia 3D: quali possono essere gli effetti collaterali?

La sonoisterosalpingografia 3D è generalmente ben tollerata dalle pazienti, tuttavia in alcuni casi nel corso dell’esame possono verificarsi lieve/forte dolore addominale di tipo mestruale, sudorazione, nausea, più raramente vomito, bradicardia e lipotimia. Dopo l’esame, inoltre, possono verificarsi perdite ematiche vaginali.

Più raramente, si possono verificare complicanze come infiammazione o infezione pelvica, per le quali può essere eseguita una prevenzione antibiotica dopo l’esecuzione dell’esame sebbene, secondo le linee guida, non sia necessaria.

Dopo l’esame, per eventuali dolori addominali si possono assumere antidolorifici e antinfiammatori, solo se si ha la certezza di non essere allgergici.

Contatti

Contattaci per informazioni

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa

resa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679

Via Timavo, 2 - 00195 Roma

Numero verde 800-761999

Tel.: 06-37501045

Fax: 06-37352314

info@raprui.com - daysurgery@raprui.com

Lun-Ven 8.30-17.30

Sab 9.00-12.30

Data Protection Officer

Avv. Elena Maggio

dpo.elenamaggio@raprui.com

SEGUICI SU