Blog / 25.02.2020

Differenza tra Fivet e Icsi, cosa c’è da sapere

Quale è la differenza tra Fivet ed Icsi? E cosa c'è da sapere? L'approccio ad una tecnica di fecondazione assistita (o PMA) crea molti dubbi ed ansie, soprattutto perché all'inizio tra termini medici ed acronimi, come in questo caso, comprendere fino in fondo il proprio percorso può essere complicato. Ecco nel dettaglio cosa comportano rispettivamente queste due procedure mediche.

Differenza tra Fivet e Icsi, cosa c’è da sapere

 

 

Cos'è la FIVET?

La Fivet è una tecnica di procreazione medicalmente assistita che prevede la fecondazione in vitro ed il successivo trasferimento dell'embrione in utero (Fertilizzazione In Vitro ed Embryo Transfer). È sicuramente la più nota, poiché ha permesso la nascita della prima bambina concepita in provetta nel 1978 (Louise Brown). L'iter terapeutico prevede, nella maggioranza dei casi, una stimolazione ovarica nella donna al fine di avere più ovuli da sottoporre a fecondazione in vitro anziché il singolo fisiologico mensile. Quando, attraverso un attento monitoraggio ecografico e dei dosaggi ormonali, si ha la conferma della maturazione degli ovuli, si procede al recupero transvaginale degli ovociti sotto guida ecografica. Il medesimo giorno all'uomo viene richiesto di produrre un campione di liquido seminale. I gameti a questo punto vengono collocati insieme in una provetta (in vitro) ed è qui che avverrà la fecondazione, ovvero l'incontro tra ovulo e spermatozoo, necessario alla formazione di un embrione. Questo incontro avviene in modo naturale, ovvero senza manipolazioni o interventi meccanici. Dopo 2-5 giorni (o poco più a seconda dei casi) uno o più embrioni- posti in incubazione e monitorati- vengono impiantati direttamente nell'utero della donna.

Cos'è l'ICSI?

La Icsi (Intracytoplasmic sperm injection) è una tecnica di PMA leggermente più recente: si è andata sviluppando grazie anche alle innovazioni tecnologiche a partire dagli anni 90 ed è indicata nei casi di infertilità maschile grave dovuta ad un basso numero di spermatozoi o dalla mobilità ridotta. La procedura di prelievo dei gameti è la stessa della Fivet, ma in tal caso il loro incontro, ovvero la fecondazione, avviene meccanicamente: con un'iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI) direttamente nell'ovulo in provetta. La coltura dell'embrione è la medesima, così come pure il successivo transfer embrionale.

Quale è la differenza tra FIVET ed ICSI?

La prima differenza sostanziale è dunque quella del modo in cui i 2 gameti si incontrano: nella Fivet in modo naturale, nell'ICSI con un'iniezione intracitoplasmatica. Tuttavia non va trascurata l'indicazione. Ovvero: nonostante l'iter di prelievo, coltura e transfer coincidano, le due metodiche non sono speculari. Sono indicate per tipologie di pazienti diverse a seconda del problema di fertilità che c'è alla base. È importante sottoporsi a tali tecniche solo dopo un completo approfondimento diagnostico, al fine di individuare per ogni coppia un trattamento personalizzato e dunque potenzialmente più efficace. Per tale motivo è importante sempre rivolgersi ad un centro per la fertilità qualificato.

La FIVET è indicata nei seguenti casi:

  • Infertilità tubarica, quando cioè l'ovulo e lo spermatozoo non si incontrano all'interno delle Tube di Falloppio perché ostruite
  • Disturbi dell'ovulazione
  • Endometriosi
  • Fattori immunologici
  • Oligospermia di grado lieve

È necessario però che i gameti siano di buona qualità (seppur non di quantità) in ambedue i partner.

La Icsi è invece indicata in tutti quei casi in cui motilità e numero di spermatozoi risultano gravemente ridotti. Altresì si impiega nei seguenti casi:

  • Spermatozoi morfologicamente anomali
  • In seguito a prelievo con Tesa e Tese
  • Ci sono alti livelli di anticorpi nel seme
  • Sperma congelato
  • Fallimento di fecondazione in precedente FIVET
  • Ovuli congelati

Ci sono esami preliminari da fare prima della FIVET e dell’ICSI?

 Ovviamente sì e sono sostanzialmente i test diagnostici, da quelli basilari a quelli più specifici a seconda del caso. Lo scopo è quello di individuare il percorso terapeutico più idoneo.

Gli esami necessari prima di una FIVET o ICSI sono tutti quegli esami che vanno a verificare le condizioni cliniche che possono essere di ostacolo all’impianto dell’embrione o alla prosecuzione della gravidanza. Nella donna esami della funzionalità tiroidea, studio endoscopico della cavità uterina e analisi dell’autoimmunità, screening della trombofilia e mappa cromosomica. Nell’uomo come esempi di analisi di  preparazione abbiamo la mappa cromosomica.

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento