/ 06.08.2019

L’importanza di sentirsi in due e la gioia di ritrovarsi in quattro

Sono una donna di 31 anni, vivo a L’Aquila e faccio parte di quella percentuale di donne che, senza un motivo apparente, non riescono a rimanere incinte naturalmente. Dopo essermi sottoposta a tutti i controlli del caso, la mia ginecologa mi disse di non saper più cosa fare per aiutarmi ad avere un bambino e di rivolgermi al centro Raprui di Roma.

Durante la mia prima visita con la dott.ssa Antinori, mi sono stati prescritti tutti gli esami di base e come era già capitato, nessuno ha dato evidenza di un problema! Ad oggi, il motivo della mia infertilità rimane inspiegabile, insieme a quello di tante altre donne.

Per questo motivo, ad aprile 2018 abbiamo iniziato il nostro percorso di fecondazione assistita. Il primo tentativo che ci è stato consigliato, è stato l’inseminazione semplice, ma purtroppo non è andato a buon fine. Non nascondo che la delusione è stata tanta e che non è stato facile resistere e non farsi prendere dallo sconforto.

Successivamente abbiamo provato con la ICSI e al primo tentativo, sono rimasta incinta di due splendidi gemelli nati a dicembre del 2018!

Nonostante la difficoltà del percorso, la mia esperienza al centro Raprui è stata bellissima, abbiamo trovato una seconda famiglia in grado di sostenerci con grande attenzione e sensibilità. Vivendo in un'altra città, sono stata in contatto telefonico con la dott.ssa Antinori per tutta la durata del percorso e grazie alla serenità che ci è stata trasmessa da tutta l'equipe, i nostri continui viaggi verso Roma non sono mai stati vissuti con ansia e preoccupazione, nonostante la nostra situazione fosse piuttosto complessa.

A chi in questo momento si trova a dover affrontare un percorso simile al nostro, consiglio di lavorare sul rapporto di coppia, perché se da una parte l'impegno più gravoso è quello della donna, dall'altra parte senza il supporto emotivo dell'uomo, la coppia rischia davvero di risentirne. I momenti difficili fanno parte del percorso di fecondazione assistita ed è necessario rimanere uniti e sostenersi l'un l'altro in ogni momento. Inoltre, trovo essenziale affidarsi ad un centro come Raprui, per essere certi d'intraprendere un percorso medico all'insegna delle più avanzate tecniche disponibili, sicuri di essere seguiti al meglio, sia dal punto vista medico che psicologico. Sentirsi a proprio agio, percepire protezione e comprensione da parte dell'equipe medica, è davvero importante, tanto quanto stare bene in coppia.

I commenti sono chiusi