/ 18.10.2020

Non dimenticheremo mai cosa Raprui ha fatto per noi!

Per poter descrivere meglio il cammino mio e di mia moglie, dall’inizio fino alla nascita di nostra figlia, comincerei con la diagnosi della mia infertilità, risalente a luglio 2017.
Abbiamo scoperto questa mia condizione quando la ginecologa che seguiva mia moglie mi consigliò di ripetere l’esame dello spermiogramma presso un altro laboratorio.
Quindi decisi di andare nel laboratorio analisi dell’ospedale di Fermo e per ben due volte mi confermarono la situazione di infertilità.

Negli anni precedenti avevamo fatto numerose visite e controlli, soprattutto a mia moglie perché si pensava che la causa dei nostri insuccessi fosse lei, dati i buoni risultati degli esami che io avevo eseguito.

Poverina si sottopose a cure ed esami molto stressanti!
Quel giorno di luglio quando uscii dal laboratorio mi sentii smarrito: una situazione del tutto nuova e strana… e mi spaventava il fatto di non potere avere figli.
Il nostro sogno più grande non si poteva più avverare! Poi...

Tramite un parente di famiglia (il Dott. Alessandro D’addessi) andai a fare una visita a Roma presso il Prof. Sasso. Vista la mia situazione mi disse che non poteva spiegare quel passaggio da una situazione in salute ad uno stato di sterilità, ma mi consigliò di sottopormi ad un intervento di TESE per capirne la causa ed eventualmente raccogliere del materiale biologico per proseguire con una fecondazione.

Da questo momento entrammo nella clinica Raprui!

Il 03/11/2017 andammo a Roma per l’intervento, entrammo in questa bellissima struttura tanto che con mia moglie ci siamo detti “Cavolo sembra un centro benessere!”
Ci fu data una camera tutta nostra con i migliori comfort ed iniziai a prepararmi per l’intervento.

Le migliori cure ed attenzioni mi furono rivolte da tutto il personale e, nonostante un po' di timore che avevo, mi misero a mio agio e mi sentii tranquillissimo.
Andai in sala operatoria e quando scesi sotto ero ancora un po'stordito dall’anestesia ma ricordo il volto di mia moglie felicissima ed in lacrime che mi diceva “Ci sono! Ci sono! Li hanno trovati!!!”.

L’esito fu una forma di infertilità di tipo ostruttivo dovuto ad una infiammazione asintomatica e questo mi ha causato il blocco, la non fuoriuscita degli spermatozoi. Forma irreversibile.

Quello stesso giorno conoscemmo la Dott.ssa Antinori ed iniziò il nostro percorso nella Raprui.

Il giorno 16/04/2018 mia moglie si è sottoposta alla fecondazione artificiale, andò bene al primo tentativo e questo 16/01/2019 è venuta al mondo la nostra Agnese!!!
La gioia più grande che una coppia che si ama possa desiderare, forse dopo tutti questi trascorsi ancora più sofferta e meravigliosa! Da Raprui ci siamo sempre trovati come a casa nostra ed è anche per questo che non dimenticheremo mai cosa Raprui ha fatto per noi!

I commenti sono chiusi