/ 19.02.2020

Un sogno che si avvera a quarant’anni

Storie di fecondazione assistità testimonianza clinica rapruiIo e mio marito non avremmo mai pensato di riuscire a realizzare il nostro sogno di diventare genitori perché a cinquant’anni lui e quaranta io, dopo vari tentativi avevamo perso del tutto le speranze.

Entrambi, essendo grandi, avevamo problemi di fertilità di natura diversa. Dopo due tentativi in Spagna, non meglio precisati date le difficoltà a comprendere la lingua, ci siamo ritrovati senza forze e speranze.

È stata mia madre, che aveva sentito parlare della clinica Raprui in televisione, a prendere un appuntamento e a farci una sorpresa.

Da lì tutto è andato molto velocemente: siamo stati da Raprui per tre volte e, dopo la terza, ero incinta al primo tentativo! Nonostante Roma fosse lontana da Novara, nonostante la mia età e il fatto che la Dottoressa non fosse vicina fisicamente, sono stata seguita con tutta la cura e la premura possibili.

Durante il primo incontro ho conosciuto la Dottoressa Antinori e già mi sono sentita come a casa. I dottori e lo staff ti fanno sentire accolto, capito e di danno tutto il supporto psicologico e medico di cui hai bisogno, sia nella fase di diagnosi e cura, sia nella parte che riguarda le analisi.

Nel secondo incontro la Dottoressa ha messo a punto la terapia e ho cominciato una cura ormonale. Niente in confronto alle esperienze precedenti che avevo avuto in Spagna: la cura e l’attenzione sono state impeccabili e io mi sono trovata benissimo.

Nel terzo incontro ho fatto l’impianto degli embrioni.

Ad agosto 2018 sono nate, a 30 settimane, le nostre gemelle: Asia e Aurora sono il dono più bello che potessimo mai ricevere.

I commenti sono chiusi